Natale is coming

Cose da sapere per un Natale perfetto.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Non è il solito post sul Natale. State tranquilli, non si parla di cenoni, di outfit, di calendario dell’avvento e di come crearlo (io sono fuori il limite massimo di ritardo consentito).

Questa vuole essere una vera e propria letterina di Natale con tanto di indicazione del regalo giusto. Così, chi deve sapere sa e se ha bisogno della password per entrare nei siti, basta che lo chieda. Tanto sapere che io a memoria sono una frana e poi mi scorderò del momento della richiesta.

Premessa

Quest’anno è stato un anno un po’ strano. Soprattutto il terzo e quarto trimestre, come direbbero gli economisti. Si è vista una rapida discesa in alcuni ambiti ed una rapida salita di altri. Le buone abitudini sono state perse (il motivo non è dato saperlo) e sono rimasta indietro in tanti aspetti (soprattutto legati al blog). Spero con l’anno nuovo di riprendere le buone abitudini e darvi tanti contenuti nuovi. Sono ritornati con tanta felicità della sottoscritta e della sua vista, vecchi passatempi che scaricano la tensione. Diciamola meglio: se in estate c’era l’orto da curare che rilassava, in inverno ci sono altri modi per rilassarsi. Ad ogni stagione le proprie verdure, no?

Sono stata brava? Direi di si. Facendo un rapido calcolo, ho aiutato persone che ne avevano bisogno? Si. Ho cercato di allontanare quelle che facevano male con quello che dicevano? Si, questo punto è sempre un punto in divenire. La pulizia a casa sta continuando (Isabella a breve vedrai come sono stata brava) con un ritmo lento ma costante.

Sono stra felice per le due persone che sono finalmente riuscite ad essere nello stesso posto tutti i giorni e nella stessa posizione (in pensione). Ora potete divertirvi insieme tutti i giorni e godervi quello spettacolo di casa e di paesaggio che vi sta intorno. Noi, qui, solo nebbia, traffico, auto.

Flo sta imparando cose nuove (tipo scendere le scale e la legge di gravità quando si sdraia sul bordo del divano) e sta crescendo bene. Abbiamo ancora qualche problema con i gatti, ma non è colpa nostra, sono loro che istigano con le loro orecchie gattose. Ho scoperto di avere una seconda ombra a forma di cane e che perde pelo (nell’aspirapolvere potrei creare almeno un paio di pastori tedeschi con tutto il pelo che perde) molto simpatica e che perde la pallina ogni tanto: ma è sempre colpa della pallina e della sua sfericità.

Sono stata eletta diavolo dei biscotti e rovina dieta a tradimento, ma giuro che non so come mai. Sento delle vocine nella testa che mi dicono di fare i biscotti ed io le seguo. Altrimenti con che cosa lo accompagno il thè il sabato o la tisana alla sera?

Ho conosciuto un sacco di persone molto simpatiche dall’ultima volta che ti ho scritto. Sono simpatiche e sanno un sacco di cose che io cerco di imparare tutti i giorni: non si sa mai che durante il lavoro queste nozioni possano essermi utili. Non compenseranno il fatto di non essere andata all’università, però aiutano. Tanto.

Speriamo.

Lascerei stare il campo della finanza, che ne dici? Diciamo che per la privacy, ne parliamo in separata sede. In un altro momento. Anche il campo della attività fisica lo lascerei un attimo stare. Anzi non lo tocco proprio. La volontà ce l’avrei per fare tutta l’attività fisica che ci vorrebbe ad una persona adulta di 33 anni, ma mi basta il fatto di stirare e stare dietro a Flo. Puoi fartelo bastare? Grazie

Il succo della questione

Eccoci dunque al succo della questione. Inutile che cerchi di svignartela e di divagare. Milioni di bambini hanno scritto e sono andati diritti al sodo. Io invece ho fatto il giro largo e ti ho raccontato di come è andato quest’anno.

Le categorie per cui ti scrivo sono due: letture educative per la mia mente ed il mio lavoro e passatempi da creare e confezionare.

Letture educative

Le prime le trovi sul sito www.webintesta.it e si tratta di libri che vorrei leggere per poter imparare quello che non so e che mi potrebbero aiutare.

Tu non hai un Customer Service? Perché non ti hanno mai detto che i regali brutti molte persone li reclicano regalandoli ad altre persone? Pensa che ci sono interi portali dedicati alla contrattazione e rivendita di regali brutti. Forse i tuoi folletti non te lo hanno mai detto. A me non è mai successo di riciclare i regali brutti, non lo trovo carino e corretto.

Forse è Il Libro che fa per me. Sai che sono una timidona, non con le parole scritte su carta, e parlare alle persone mi mette un po di angoscia. Sarà che gli unici pubblici he ho avuto sono stati gli esaminatori dell’esame di maturità (e li ho sempre e solo parlato io) e la mia classe a Sqcuola di Blog durante gli SDB Awards, dove ho pure rinominato una nazione intera (d’altronde se si chiamano polacchi, la nazione si chiamerà Polacchia, no?).

Alessio Beltrami mi ha affascinato con il suo libro sul Blog Aziendale. Vediamo se riuscirà a fare altrettanto anche questa volta.

Cibo per il relax

La seconda categoria è composta da kit per ricamare. No, tranquillo, lo scrapbooking non lo mollo. Verrà solamente affiancato dal ricamo.

Ne trovi di bellissimi in modo assurdo su http://cloudsfactory.net/ dove ho creato anche una wishlist per rendere la vita più semplice ai tuoi folletti.

Per evitare che arrivino doppioni, chiedo ai folletti di mettersi d’accordo. Ricordate che io ho la memoria corta. Se poi i folletti si inventano nuovi regali, non è un problema. Vorrò bene loro lo stesso. Anzi più di prima.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.